sabato 30 maggio 2009

Cheesecake senza forno di Allan Bay



Ecco la prima opera a quattro mani (diciamo tre, và, due mie e una sua...) di questo week end lungo in cui ci divideremo tra gitarelle e cucina. E' una torta che ho già fatto tantissime volte ma c'era sempre il problema della foto perchè in genere la preparavo da portare via e non mi sembrava carino una volta arrivate le fette nel piatto dire fermi tutti che devo fare la foto! E poi la gente ha certe tovaglie..che prprio non era il caso ecco.
Questa sera la porteremo ad una cena con persone che io conosco poco, troppo poco per potermi permettere di sperimentare cose inventate, per questo mi sono rivolta alla mia piccola bibbia personale che è quel piccolo capolavoro di Cuochi si diventa di Allan Bay, un libro a cui devo molta della mia passione. C'è solo qualche minuscola modifica dovuta più che altro alle tante prove che ho fatto, questa è la versione classica ai frutti di bosco.
Contro: si sporcano un sacco di pentolini, fruste, lame, colini...
Pro: non serve il forno,la si può adattare a seconda delle stagioni cambiando la copertura (in inverno ganache al cioccolato, in primavera marmellata e fiori in estate frutta freschissima), la bella figura è assicurata,va bene sia per merenda che a fine pasto, è impossibile che non riesca. Il bilancio mi sembra positivo quindi..proviamo!

Cheesecake senza forno (Allan Bay)

Biscotti integrali 200g

Burro sciolto 100g
Zucchero di canna 2 cucchiai
Gelatina in fogli 10g
Rhum bianco 4 cucchiai
Formaggio fresco cremoso 500g (io uso però la ricotta)
Zucchero a velo 100g

Limoni 2

Panna da montare 250 ml

Uova (albumi) 2

Marmellata di frutti di bosco

Ridurre in polvere i biscotti con il robot oppure pestandoli in una ciotola con un batticarne. Mescolare i biscotti con il burro fuso, lo zucchero di canna e la scorza grattugiata di 1 limone, stendere il composto in uno stampo a cerniera premendo bene e riporre in frigorifero. Ammorbidire la gelatina in acqua fredda, scaldare il rhum e sciogliervi la gelatina strizzata. Lavorare il formaggio con lo zucchero a velo, la scorza di 1 limone grattugiata e il succo filtrato del limone stesso, aggiungere il rhum con la gelatina sciolta dentro. Montare la panna e aggiungerla al composto, montare gli albumi e aggiungere anche questi. Versare il composto sopra al fondo di biscotti livellandolo bene. Mettere in frigo per almeno 3 ore. Nel frattempo setacciare la marmellata per eliminare tutti gli eventuali semini dei frutti di bosco e aggiungervi qualche goccia di succo di limone. Prima di servire guarnire la superficie con la marmellata preparata e eventualmente con frutti di bosco freschi.

Buon Weekend (e ponte, per i fortunati come noi) a tutti, speriamo il tempo sia clemente in tutti e due i sensi visto che ormai non si capisce più niente, che non ci sia casino in autostrada, che ogni cena o pranzo organizzati siano un successone, che la compagnia degli amici ci arricchisca e ci faccia ridere tanto.

10 commenti:

  1. Certo che anche tu ami i dolci come me! Brava per l'ennesima goduria che presenti!

    RispondiElimina
  2. Allan Bay è un personaggio fantastico... mi piacerebbe prendere il suo libro "77 ricette perfette"!
    A parte tutto, questa cheesecake è puro merito TUO. Complimenti Sara, è fantastica!!

    RispondiElimina
  3. Bbbellissima Sara, sei troppo forte. :)

    RispondiElimina
  4. Quanto ti capisco, anch'io devo moltissimo della mia passione ad Allan Bay, quel libro è eccezionale!
    Mi chiedo solo se qualcuno abbia mai provato il brodo di sassi...
    Bellissimo cheesecake, brava!
    Un bacione,
    m.

    RispondiElimina
  5. Mariù... Brodo di sassi?? °_°

    RispondiElimina
  6. Corri a prendere 'Cuochi si diventa', vai alla sezione 'Gli Aiutacuochi: I brodi' e divertiti col brodo di sassi... pazzesco.
    m.

    RispondiElimina
  7. Viene da una favolo per bambini intitolata ZUPPA DI SASSO.

    RispondiElimina
  8. Favola, scusate. Comunque grazie per la ricetta. Ottima! La torta la portiamo a una cuoca... Beatrice

    RispondiElimina
  9. ciao mi piace molto il tuo blog ,è interessante sia per la cucina che la creatività .
    io sono maura ciao

    RispondiElimina
  10. io mi ricordo che da piccola mi raccontarono la storia della zuppa di chiodo, un'pò la stessa cosa di quella con i sassi credo...
    Ma se la zuppa in questione è fatta da Allan non c'è dubbio sulla bontà, anche se credo che il merito delottima riuscita di questo cheese cake sia in gran parte tuo!!
    Giusto 2 giorni fa ero a cena da Allan e mi ha proposto una ricetta di un risotto alla zucca inventata da lui, che bontà!!!!
    Tant'è che stasera ho ripreparato la stessa ricetta!!!
    Se ti serve qualcosa ho delle sue ricette da passarti, baci

    RispondiElimina

Mi fa piacere sapere che ne pensi,soprattutto se hai qualche suggerimento per me: lascia un commento! Se non sei registrato scegli "commenta come : anonimo" ma lasciami comunque il tuo nome, così potrò risponderti sapendo a chi mi rivolgo. Grazie!