lunedì 1 marzo 2010

Ci sono. Con le ciambelline al vino.


Ci sono, ci sono. E' che in questi giorni me ne sono successe un po' di tutti i tipi, belle tipo festeggiamenti vari post compleanno e brutte tipo rovinose cadute di qualcuno sul campo da calcio che l'hanno reso momentaneamente un po' invalido, ma ci sono. E poi questo corso che ho iniziato mi porta via davvero un sacco di tempo...per questo mi viene anche da farmi qualche domanda sulla sorte di queste pagine nei prossimi mesi...
Comunque, non fasciamoci la testa e proviamo a mantenere un po' di continuità con una ricetta di quelle semplici e veloci che vanno bene sempre perchè di solito in casa c'è sempre già tutto l'occorrente.
Si tratta delle ciambelline al vino, nella versione al prosecco dei "Calycanti" postata qualche giorno fa e passata tutt'altro che inosservata tra le loro frequentissime e particolarissime ricette. Molto semplici e veloci, mettono pure allegria, e si possono preparare anche con altri vini, bianchi o rossi, frizzanti oppure anche fermi (secondo quanto consigliato qui nei commenti).
.
*******************************************
.
Ciambelline al prosecco de La Cucina di Calycanthus
.
1 bicchiere di zucchero
1 bicchiere di prosecco (oppure altro vino)
1 bicchiere d’olio d’oliva
farina quanto basta (alla fine sono circa 3 bicchieri)
.
Amalgamare i liquidi poi aggiungere la farina fino a ottenere un impasto morbido ma lavorabile. Formare le ciambelline, spolverizzarle di zucchero semolato e cuocerle a 180 per circa 20 minuti.
*******************************************

22 commenti:

  1. supervelocissime e supergolosissime!! da fare senz'altro,magari appena meno zucchero e un vino dolce..che dici?

    RispondiElimina
  2. Buone, a me piacciono da morire!!
    Ciao.

    RispondiElimina
  3. Io le adoro!!!Solo a guardare le foto mi viene voglia di mangiarle!!!Complimenti!!
    Non credevo fossero così facili da preparare!
    Ciao Cristina

    RispondiElimina
  4. davvero golose! le devo provare :-) baci Ely

    RispondiElimina
  5. Hanno un aspetto appetitoso! Però sai che appena le ho viste me le sono immaginate salate?? Quindi mi chidevo, secondo te, per farle salate come posso fare? Se ci tolgo il bicchiere di zucchero poi non so se dovrei aggiungere qualcos'altro! :)

    RispondiElimina
  6. Ciao,
    carinissimo il tuo blog, pieno di cose interessanti, verrò a trovarti spesso... se vuoi venire atrovarmi anche tu http//architettandoincucina.blogspot.com
    a presto

    RispondiElimina
  7. ohhh la', meno male, FINALMENTE! Finalmente leggo una spiegazione del procedimento meglio scritta perbacco! .. non so, mi sentivo un attimo presa in giro visto che "di là" ho chiesto innumerevoli volte la cottura del forno senza ricevere risposta. Va beh lasciamo stare.
    Mi sembra siano uscite ottime .. mi viene già voglia ora di fare un aperitivo.. ma senza prosecco, solo con queste che includono gli ingredienti base dell'aperitivo! :D

    RispondiElimina
  8. sembrano buonissime! ... c'è un forno qua da me che ne fa di simili col vinsanto ... mmm potrei provare partendo da qui... ! ti faro' sapere! grazie!

    RispondiElimina
  9. buonissime! le faccio spesso anch'io!! brava!

    RispondiElimina
  10. Mai mangiate e visto che nn si devono friggere le devo assolutamente provare...bravissima...:-P...smack

    RispondiElimina
  11. io le adoro!!! che buono!!

    RispondiElimina
  12. Capita di avere dei periodi in cui tutto si accavalla,ma vedo che hai trovato il tempo per queste ciambelline fantastiche!baci damiana!

    RispondiElimina
  13. queste ciambelline sono un meraviglioso dolce tipico pasquale di un paesino sul lago di Bolsena, di nome Marta.... mmm sono golose come le ciliegie... e vengono arricchite con uvetta o gocce di cioccolato! ;-) lalla

    RispondiElimina
  14. Le adoro!!! le tue sono favolose...complimenti!!! baci Luciana

    RispondiElimina
  15. Buone al prosecco! bellissima coem idea!:)

    RispondiElimina
  16. mai fatte ma mi incuriosiscono da tempo...
    secondo me sono anche un buon rimedio per le cadute sul campo, che dici? =)

    RispondiElimina
  17. @dauly io invece ho notato che il buono, il particolare di questa ricetta è proprio il retrogusto di vino secco in un impasto dolce. Però tentar non nuoce!

    @Margherita non sono molto brava nella conversione di ricette dolci in salate...però in questo caso dopo aver eliminato lo zucchero proverei a sostituire più o meno metà del suo peso con parmigiano reggiano grattugiato, e poi un pizzico di sale. mah..

    @fiordivanilla per il procedimento anche io sono andata un po' a casaccio però per fortuna mi è venuto tutto bene la prima volta. Ovvio che questo tempo di cottura andava bene per le mie che erano belle grosse e cicciose, se uno decide di farle più piccole e sottili, e quindi anche più croccanti come risultato, di certo 20 minuti sono troppini

    @sabrina benvenuta! Appena ho un attimo ricambio la visita, ciao!

    @laura io le ho viste in molti posti in realtà, e soprattutto al vino rosso e con l'uvetta, Marche, dintorni di Roma... quindi non avevo ben chiaro di dove fossero originarie...grazie della info!

    RispondiElimina
  18. Queste sono proprio quelle belle ciambelline da sgranoccjiare dopo pranzo quando si resta a chiaccherare con le sorelle intorno al tavolo!!!Non c'entra niente ma ho avuto quest'immagine!!!

    RispondiElimina
  19. Ciao! ci hai messo proprio voglia di rifarle anche noi! davvero molto semplici e buonissime! poi..da inzuppare in un bicchiere di vino..perfette!
    baci baci

    RispondiElimina
  20. e vogliamo parlare dei nasi rotti? no, il calcio è proprio una devastazione! ;-)
    x il resto non preoccuparti cara, e posta come ti senti, il tuo blog è talmente pieno di ricette che "regge" pure le assenze temporanee causa corso stra-interessante! =D

    RispondiElimina
  21. ma si non preoccuparti! goditi il tuo corso Sara. Tanto se aggiorni noi corriamo subito ;) anche fosse per dirci solo come vanno le cose!
    Queste ciambelline le avevo fatte anche io tempo fa aggiungendo un po' di ammoniaca :)

    RispondiElimina
  22. Io e i miei collegli le abbiamo mangiate e aspettiamo il bis!!!

    RispondiElimina

Mi fa piacere sapere che ne pensi,soprattutto se hai qualche suggerimento per me: lascia un commento! Se non sei registrato scegli "commenta come : anonimo" ma lasciami comunque il tuo nome, così potrò risponderti sapendo a chi mi rivolgo. Grazie!