martedì 14 aprile 2009

Salame di cioccolato alle mandorle e caffè



Eccomi di ritorno... in questi giorni non ho scritto ma non mi sono fermata, ho continuato a spadellare come al solito e infondo che cosa sono le feste se non una bella occasione per dedicare ancora più tempo a cucinare invitare e offrire? Ho trascorso solo un giorno via, una piccola toccata e fuga a Venezia in dolce compagnia poi un giorno a casa coi parenti miei e ieri con i suoi, e grazie anche a questo splendido sole che almeno qui ha baciato tutti i giorni di vacanza è stato tutto tranquillo, rilassante, intenso, una boccata d'aria.
Tra tutti i pasticci degli ultimi giorni oggi voglio partire con il salame al cioccolato... so che come stagione ormai siamo al limite, l’altro giorno in dieci minuti di tragitto in macchina mi si è praticamente sciolto, e poi c’è l’uovo crudo che col caldo non è il massimo, insomma ormai è ora di dedicarci a qualcosa di un po’ più primaverile và… però finalmente ho trovato una ricetta per farlo che mi convince del tutto, è venuto buono e bello, è semplice e non mi andava di non condividerlo con voi.
Però mi sono fatta una domanda a cui non ho trovato risposta: c’è una regione, una zona, un paese che può vantarsi di esserne il luogo d’origine?

uova 2 tuorli
burro 50 g

zucchero 100g
cacao amaro 3 cucchiai
caffè 1 tazzina
liquore alla mandorla (facoltativo)

biscotti secchi 100g

mandorle tostate 100g


Lavorare due tuorli con lo zucchero fino ad ottenere una crema morbida. Aggiungere il burro sciolto e non troppo caldo, il cacao amaro, il caffè ed eventualmente un goccino di liquore alla mandorla. Mescolare tutto. Sbriciolare grossolanamente i biscotti secchi e tritare, sempre il modo grossolano, le mandorle precedentemente tostate in forno. Unire al composto di cioccolato e mescolare in modo che il cioccolato si attacchi bene alla granella di mandorle e biscotti e tutto l’insieme appaia scuro. Aiutandosi con un foglio di pellicola trasparente o di carta oleata dare all’impasto la forma di un salame premendo bene, poi riporlo in frigo per qualche ora. Quando sarà ben duro toglierlo dalla pellicola e ricoprire con le mani tutta la superficie con zucchero a velo, facendolo bene attaccare. Servire tagliato a fette poco dopo averlo tolto dal frigorifero.

In genere, quando devo regalarlo, dopo aver messo lo zucchero a velo riavvolgo il salame in una pellicola trasparente pulita poi lo lego con dello spago con il metodo che si usa per l’arrosto in modo da renderlo quanto più simile possibile ad un salame vero. Non ho le foto perchè in genere lo faccio sotto Natale ma provate, vi assicuro che il risultato è carinissimo.

3 commenti:

  1. il salame turco e'un dolce intramontabile in cucina,inoltre piace a tutti,grandi e piccoli
    bacioni ;)

    RispondiElimina
  2. buono è un dolcetto che non passa mai !

    RispondiElimina

Mi fa piacere sapere che ne pensi,soprattutto se hai qualche suggerimento per me: lascia un commento! Se non sei registrato scegli "commenta come : anonimo" ma lasciami comunque il tuo nome, così potrò risponderti sapendo a chi mi rivolgo. Grazie!