lunedì 31 agosto 2009

Ho rubato la merenda

Il mio periodo iperattivo continua, e a poco più di 24 ore dall'ultimo post sono di nuovo qua..cos'ho fatto?? dunque...beh..avevo un po' fame... e ho rubato la merenda.
A chi? Eh l'ho rubata un po' a Lenny un po' a Sabrine perchè la loro mi sembrava molto molto buona! Poi le ho messe insieme e mi sono coccolata nella dolcezza. Vi riporto velocemente le loro ricette pari pari perchè mi ci sono attenuta scrupolosamente, (a parte l'uso del muesli al posto dei soli fiocchi d'avena nel pane) ma se passate da loro troverete tutti i dettagli e i consigli, la storia e anche suggerimenti sulle possibili varianti di queste due preparazioni
Miele alla liquirizia di Lenny

300 g miele d’acacia o millefiori artigianale
2 cucchiai di polvere di liquirizia Amarelli
(in mancanza, polverizzare 2 cucchiai scarsi di spezzatina Amarelli)

Sciogliere a bagnomaria 3 cucchiai di miele con la polvere di liquirizia, rimestando con un cucchiaio. Unire il composto al restante miele ed amalgamare bene con il minipimer. Attendere qualche ora prima di consumare. (Gli inevitabili residui di liquirizia che certificano la lavorazione home made e che affiorano in superficie, necessitano di una mescolata al miele prima del consumo)

Irish soda bread di Sabrine

farina bianca 00: 200 gr
farina integrale: 200 gr
fiocchi d’avena: 100 gr
yogurt magro naturale: 250 gr
latte: 250 ml
zucchero di canna: due cucchiai
bicarbonato: 2 cucchiaini
sale fino: 1 cucchiaino raso

Accendete il forno a 180° e foderate con carta forno uno stampo rettangolare da cake (il mio è quello classico da 25 x 10 cm).
Mettete in una ciotola le farine (meglio se setacciate la bianca), i fiocchi d’avena, lo zucchero, il sale e il bicarbonato setacciato e mescolate benissimo, cercando di incorporare più aria possibile con movimenti ampi.
Diluite lo yogurt con il latte e versatelo nella ciotola con gli ingredienti “asciutti”.
Mescolate con un cucchiaio, con movimenti dal basso verso l’alto che serviranno ad incamerare più aria possibile; è bene non lavorare troppo a lungo (perché il bicarbonato inizia ad agire appena entra in contatto con lo yogurt), basta che la farina sia bene incorporata nell’impasto, che dev’essere appiccicoso ma non troppo molle (tanto per intenderci: più sodo di quello di una torta, più molle di quello del pane).
Rovesciate l’impasto nello stampo e livellatelo senza troppa precisione; con un coltello fate un’incisione nel senso della lunghezza e infornate.
Cuocete per 30 minuti con lo stampo e 10 minuti senza (traduzione per figli adolescenti in casa senza genitori: estraete il pane dal forno e, aiutandovi con guanto e presine, toglietelo dallo stampo e rimettetelo in forno per altri 10 minuti).
Sfornatelo, lasciatelo intiepidire 5 minuti e servitelo ancora caldo. E’ buono anche il giorno dopo (migliore se passato un minutino a fette in forno).

buonamerenda!

9 commenti:

  1. guarda questo miele alla liquirizia mi nitriga un sacco..l'ho scritto anche a lenny...e visto che il miele lo posso mangiare anche in questa forzata quaresima..mi sa che anche io ruberò presto!:DDgrazie per essere passata da me!:D

    RispondiElimina
  2. Davvero i miei complimenti!!!!Sia per il miele che per il soda bread!!!!...quando vedo avena e farina integrale....non resta che segnare la ricetta!!!
    Ciao un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Non mi resta che provare l'abbinamento con lì Irish soda bread ....
    Sono felicissima di questo furto :))
    Bacioni

    RispondiElimina
  4. Brr, purtroppo ho un odio incondizionato verso la liquirizia!
    Ma il pane mi ispira molto... Quindi lievita grazie a yogurt+bicarbonato? Interessante!
    Nell'ultimo numero di La Cucina Italiana c'è una ricetta iper intrigante di una focaccia fatta lievitare proprio in questo modo. Mi sa quindi che presto anch'io mi tufferò nel mondo arcano della panificazione!
    (ros)marina

    RispondiElimina
  5. @marina esatto, la lievitazione tramite il bicarbonato può avvenire solo in presenza di una certa quantità di ingredienti acidi, quali ad esempio lo yogurt, se no non funziona. E' buono, prova! E se poi vuoi approfondire, leggiti il libro che sto leggendo io, lo trovi nel box di anobii

    RispondiElimina
  6. Ciao! Grazie per la citazione del mio soda bread: è sempre un piacere sapere che le ricette di casa mia funzionano anche in casa d'altri..
    Ed è anche un piacere sapere che c'è chi le sperimenta e le propone citando la fonte anziché scopiazzarle e spacciarle per farina del suo sacco (ahimé, sta cominciando a succedere...). Carino l'abinamento con il tuo miele: lo proverò.

    P.S.: chi volesse ulteriori spiegazioni sul meccanismo della lievitazione di questo tipo di pane le troverà alla pagina correttamente (e gentilmente) linkata da Sara all'inizio del post.
    Cuao Sara!

    RispondiElimina
  7. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  8. ..Bellissima la tua immagine riflessa sul cucchiaino del miele mentre fai la foto!! : ).. anche il soda bread naturlamente : ) : )

    RispondiElimina

Mi fa piacere sapere che ne pensi,soprattutto se hai qualche suggerimento per me: lascia un commento! Se non sei registrato scegli "commenta come : anonimo" ma lasciami comunque il tuo nome, così potrò risponderti sapendo a chi mi rivolgo. Grazie!