domenica 11 ottobre 2009

Torta salata di carote e panna al coriandolo (e dieci cose di me)

Non so da voi, ma da queste parti l'estate non ne vuole saperne di arrendersi del tutto, una bella camminata in maniche corte e birkenstock in un periodo in cui il più delle volte ho già acceso il termo è davvero un bel dono. Una gita all'aperto e un pic nic sono ancora cose fattibilssime, cose per cui questa torta salata potrebbe tornare molto utile. L'ho presa da Garden Party, un libro capace di rendere ogni ricetta, anche se semplice come questa, primaverile, elegante e quasi poetica. Semplice ma con due ingredienti speciali, coriandolo e tabasco.
---------------------------------------
Torta salata di carote e panna al coriandolo (da Garden Party di N. Le Foll e C. de Turckheim, riveduta e corretta)

carote 1,5 kg
cipolle 2
uova 8
panna liquida 300g

alcuni rametti di coriandolo fresco

noce moscata
olio d'oliva, sale e pepe
(semi di sesamo)
salsa di pomodoro 1 bicchiere
tabasco qualche goccia

Sbucciare le carote e le cipolle. Cuocere le carote al vapore per 30 minuti circa, nel frattempo rosolare le cipolle in padella con 2 cucchiai d'olio. Accendere il forno a 150°. In un insalatiera, sbattere le uova con la panna, il sale e il pepe, unire un pizzico di noce moscata appena grattugiata e una cucchiaiata abbondante di coriandolo fresco tritato finemente. Quando le carote saranno cotte, frullarle con le cipolle fino a ottenere una purea omogenea. Incorporare la purea alla preparazione a base di uova, versare in un largo stampo imburrato e impanato e cuocere per 45 minuti. Sfornare, lasciar raffreddare completamente. Servire con salsa di pomodoro condita con due gocce di tabasco.

- io non ho frullato tutte le carote, una parte l'ho tenuta a pezzettoni
- io ho guarnito con semi di sesamo perchè chi me la mangiava non compatisce cibi in cui non vi sia nulla di croccante, è vabè, comunque ci stavano.

-la ricetta originale prevedeva la cottura a bagno maria in forno, io ho cotto normalmente (per sapere il perchè vi basterà proseguire nella lettura) e la sottile crosticina che ci è venuta intorno non era niente male.

--------------------------------------

Visto che oggi c'è tempo e calma, ne approfitto anche per ritirare da Marina l'Honest Scrap Award, un giochetto carino che ti chiede di raccontare 10 cose di te che gli altri non sanno. A dir la verità io di strane e pure imbarazzanti ne avrei anche, però non sono certa che possano interessare a qualcuno, quindi risponderò un po' a modo mio, attenendomi alla ragione per cui siamo e siete qui, il cibo e la cucina. Per cui eccovi il mio
Cook&eat honest scrap, ovvero tutto quello che chi ha velleità da foodblogger non dovrebbe mai dire.

1. non so friggere e sono molto imbranata nel bagno maria in forno. Questi due metodi di cottura proprio non mi entrano in testa. Alla frittura decente ci ho rinunciato, al massimo friggitrice quando è a disposizione se no ciccia, ma al bagno maria in forno no, non mi voglio arrendere, riuscirò prima o poi a far si che l'acqua di sotto bollendo non mi allaghi la creme caramel e che però al contempo succeda al dolce un cambiamento di stato fisico degno di essere denominato cottura, ce la farò.

2. non conosco e non sono in grado di abbinare i vini. Io il sapore di ananas in un vino non ce lo riesco a sentire. Però almeno io lo ammetto. Compatisco con molta molta fatica quelli che ti rovinano tutte le cene perchè devono star li a giudicare e nasare, soprattutto quando ne sanno meno di me. Per ciò finchè non hai una giacca blu con una spillina d'argento a forma di scodellino per assaggiare e quantomeno un diploma nel taschino io su questo non ti ascolto. oh.

3.
pollice verde: ZERO. ho fatto morire un cactus annegato. per cui ogni volta che vi racconto delle mie erbette, che ho fatto lo sciroppo o cose del genere beh, tenete conto che in realtà io le ho solo raccolte, perchè dietro di me c'è una nonnina che bada a tutto questo.

4.
non riesco, è più forte di me, a non fare nemmeno una variazioncina a qualsiasi ricetta io decida di provare, neppure quelle blasonate, niente. Ma questo credo sia un vizio comune...

5. adoro apparecchiare creativamente con piatti spaiati ma intonati (che oltretutto accumulo maniacalmente) e bicchieri dalle altezze e dimensioni diverse. Purtroppo tutto questo piace a ben pochi...e che pesanti!

6.
lascio la cucina come un campo di battaglia, e finchè è casa mia va bene (più o meno), ma quando cucino dagli altri o do una mano al ristorante devo stare super iper mega attenta a non lasciarmi dietro ad ogni passo scie di coltelli unti, grattuge sporche, gocce di marmellata, gusci d'uova sgocciolanti e ciotoline che in teoria dovrebbero essere lavate ma emanano ancora un certo odorino sulfureo.

7. sono dipendente dalle caramelle di menta, per ciò è alla fine risulta completamente vano ogni mio tentativo di inventare ricette a ridotto contenuto di grassi e zuccheri, tanto poi mi mangio due stick di golia bianca al giorno.

8. Ora quello che provavo a 14 anni per Leonardo di Caprio e i take that (idolatria, notevole spazio occupato nella mia attività onirica, ritaglio di giornali che ne parlano ecc.) l'ho trasferito su...dei cuochi. Però Jamie Oliver e Oldani ci potrebbero pure fare una discreta figura su un posterino in camera dai!

9.
sono troppo impaziente di vedere i risultati di quello che ho cucinato, tento sempre di sformare le torte anche se non sono raffreddate, le farcisco da calde che poi mi cola fuori la crema e devo buttare via tutto. cuoca impaziente non va da nessuna parte.

10.
ammiro gli originali. odio gli innovatori a tutti i costi.
a tutti i livelli. odio i prezzi folli per mangiare. e forse il mio rifiuto mi fa perdere qualcosa o rimanere indietro, ma non mi interessa, io vado avanti così.

Non so a chi passare questo giochino perchè so che molte hanno già risposto, quindi facciamo che se siete arrivati a questo punto della lettura e avete voglia di raccontare qualcosa di voi l'honest scrap è tutto vostro, magari lasciatemi un commento col link così potrò venire a curiosare!

14 commenti:

  1. Anche a me piacciono troppo le caramelle alla menta e pure all'anice!Fai benissimo a non apportare variazioni alle ricette....
    però abbiamo tanto punti in comune!!!bene bene!!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. ciao bimba
    mi hai fatto troppo ridere con il giochino . giusto perchè tu lo sappia, oldani sta a 10 minuti da casa mia e, devo dire che..... gran bel gnocco! merita uno sguardo (magari anche più di uno!)

    RispondiElimina
  3. Ciao! giusto la scorsaa settimana abbiamo fatto una torta molto simile! il gusto delicato delle carote si sposa benissimo per le torte!!
    e poi vuoi mettere l'effetto cromatico!!
    Complimenti....sei davvero simpaticissima!!
    un bacione

    RispondiElimina
  4. complimenti per la torta salata! per il resto tranne 6, 7 e 8 ....sembro io!
    ciao

    RispondiElimina
  5. Ciao Sara!
    Complimenti per il restyling del tuo blog!
    E per aver allargato gli orizzonti ai "salati"!
    In questi giorni son venuta spesso a dare un'occhiata: il tuo blog è davvero bello!!

    Un bacione e a presto!

    RispondiElimina
  6. Splendida questa torta salata!!!

    RispondiElimina
  7. Mmmmh...che bella questa torta salata!!

    E poi ce la metti una foto delle tue apparecchiature creative?? sono curiosa!!!

    RispondiElimina
  8. anche io lascio la cucina come un campo di battaglia....hihihihihihi e piatti e bicchieri e anche posate spaiate!!!
    hihihi
    bacio



    Piccipotta
    www.amaradolcezza.blogspot.com

    RispondiElimina
  9. che meraviglia questa torta salata,sono davvero curiosa,e golosa,di provarla ;)

    RispondiElimina
  10. La torta salata la rifaccio subito...sembra una poesia.
    Per il resto, beh...sei simpaticamente estroversa e chi critica i tuoi piatti e bicchieri spaiati, non é altro che un ottuso con poca fantasia...Continua cosí!
    P.S. neanche a me il bagno maria in fono riesce...
    besos
    Laura

    RispondiElimina
  11. Bene bene, mi sa che anche solo tra voi 10 sono riuscita a trovare fan delle caramelle di menta, di Davide Oldani anche dal punto di vista estetico, dei piatti e bicchieri spaiati e dulcis in fundo Laura, che secondo me è veramente veramente brava, che non riesce a fare il bagno maria in forno. Beh, che dire, grazie!! Mi fate sentire meno sola nelle mie manie e nei miei difetti! Un bacio a tutte!

    RispondiElimina
  12. E' proprio vero, è semplice ma stupenda!
    Prendo nota...
    Baci!
    m.

    RispondiElimina
  13. Sei carinissima davvero!! Bellissimo il tuo blog.

    RispondiElimina
  14. MMMh! Non c'è male! mi piace come sei! Comunque l'ho fatto anch'io me l'ha dato Barbara - ricette barbare.

    RispondiElimina

Mi fa piacere sapere che ne pensi,soprattutto se hai qualche suggerimento per me: lascia un commento! Se non sei registrato scegli "commenta come : anonimo" ma lasciami comunque il tuo nome, così potrò risponderti sapendo a chi mi rivolgo. Grazie!