mercoledì 9 settembre 2009

Rose del deserto

Nulla di nuovo. Restano sempre tra i migliori biscotti del mondo. Ma non potevano non comparire nel mio indice ricette.
Fin'ora ne avevo sempre provata una e una sola ricetta, quella infallibile della zia Anna, che le faceva venire croccantissime fuori e morbide all'interno. Poi un giorno per cambiare ho provato quelle di Arietta ed era tutta un'altra cosa, e non sono più stata in grado di capire quali fossero le mie preferite.
Cuore morbido o croccanti anche all'interno? Uvetta, altra frutta o gocce di cioccolato? Io ve le lascio tutte e due, fate voi! Tenendo conto che con ciascuna ricetta ne vengono un bel po', 40-5o rose.

Rose del deserto di Arietta (croccanti)

150 gr di zucchero
2 uova
quasi 2 etti di burro (circa 180 gr)
200 gr di farina
60 g fecola di patate
1 dose di lievito per dolci
1 confezione di cornflakes
uvetta q.b.
gocce di cioccolato q.b.
Zucchero a velo q.b.

Amalgamare con le fruste elettriche zucchero, uova, burro ammorbidito, farina, fecola e lievito, fino a ottenere una pastella molto densa, spumosa e appiccicosa.Dividere l'impasto in due terrine. Unire a metà del composto l'uvetta asciutta e all'altra metà le gocce di cioccolato. Aiutandosi con due cucchiaini da thè, prendere una noce di pastella e formare delle quenelle tondeggianti, deporle in una terrina colma di cornflakes e farvele saltare. Disporre ben distanziate (al massimo 4 per riga, su 4 file) su placche coperte di carta forno e cuocere in forno preriscaldato a 180 gradi per 15 minuti. Una volta raffreddate, cospargere di zucchero a velo.

Rose del deserto della zia Anna (integrali e col cuore più morbido)

farina integrale 200g
uova 2
burro 125g
zucchero 120g
uvetta 150g
lievito 1 bustina
vanillina1 bustina
1 confezione di corn flakes
zucchero a velo

Mescolare le uova con lo zucchero, aggiungere la farina con il lievito, 1 pizzico di sale, la vanillina e il burro fuso. Amalgamare bene e aggiungere l'uvetta. Formare delle palline per quanto possibile perchè l'impasto sarà molto molle, farle passare nei corn flakes prima di adagiarle sulla placca ricoperta di carta da forno. Cuocere a 180° per 15 minuti.
Nella mia versione al posto dell'uvetta ho inserito dei frutti rossi disistratati, lamponi fragole e ciliegie, che si trovano facilmente alle fiere e alle sagre in quegli enormi golosi tendoni specializzati in frutta secca. Mi sarebbe piaciuto metterli anche sulla superfcie, per dare un po' di colore, ci ho provato e in cottura bruciano dando come unico colore...il nero. Quindi nella seconda infornata li ho amalgamati all'impasto ed erano ok.

Un piccolo P.S: In questi giorni mi sto accorgendo di quanto sia sterminata la foodblogosfera, insomma ogni giorno per un motivo o per l'altro scopro nuovi blog interessantissimi di cui non conscevo ancora l'esistenza. In più spesso facendo qualche ricerca ne trovo alcuni che hanno Meringhe nell'elenco dei preferiti ma che io non avevo mai visto! Io trovo che per imparare e migliorare sia fondamentale conoscere i propri lettori e di conseguenza comunicare e condividere con loro. Quindi mi farebbe molto ma molto piacere se chi passa di qui mi lasciasse un segno, in modo da poter ricambiare la visita! Tra poco avrò qualche giorno di ferie e non me ne voglio perdere uno!
PASSI DI QUI E HAI UN BLOG CHE IO NON FREQUENTO ABITUALMENTE O NON HO MAI COMMENTATO??
LASCIAMI IL LINK, SARO' FELICE DI RICAMBIARE LA VISITA!!

14 commenti:

  1. Ciao! queste ce le ha preparate la mamma: hai ragione, son dei biscotti proprio particolari e buonissimi! dovremmo però provare l aversione con cuore morbido...sai...è giusto confrontarle ;)
    un bacione

    RispondiElimina
  2. Ciao, mi chiamo Marina e ho un foodblog... Mi sa che non ci siamo mai sentite...
    :D :D :D Ah ah ah, ma sarò simpatica??

    Sara, nelle prime foto ci sono delle cosine rosse sopra i biscotti. Sembrano lamponi essiccati... Ci ho azzeccato? No eh?

    RispondiElimina
  3. Ma lo sai che non le ho provate!!!!!....Segno la ricetta!!!Sono uno spettacolo solo a vederle!
    Ciao un abbraccio

    RispondiElimina
  4. mi piacciono tutti questi biscotti!!! mmmm....

    RispondiElimina
  5. @manu e silvia: giustissimo :-)!
    @marina: signorina Oracolo questa volta devo rimproverarla. La sua estrema leggerezza nell'odierna lettura forse non le ha fatto cogliere alcuni passaggi fondamentali (v. 2a riga sotto la 2a foto). E' richiesta maggiore dilgenza. Grazie :-)
    @marifra: non hai mai fatto le rose del deserto? Proprio tu che sei così brava nelle preparazioni tradizionali? Urge rimedio!
    @federica: far venire l'acquolina in bocca è lo scopo di meringhe, felice di esserci riuscita!

    RispondiElimina
  6. Anche io vorrei che i miei lettori si facessero avanti più spesso :) su 90 iscritti ai feed...mah forse 20 commentano abitualmente. Credo sia inevitabile, non tutti amano farsi avanti. Io per prima seguo blog in cui non ho ancora postato un commento, mi serve un tempo fisiologico per trovare il "coraggio" ^__^

    Le rose del deserto sono un classico in fatto di biscotti ma io non le mai preparate! Prima o poi avrò anche quelle nella lista :)

    RispondiElimina
  7. Ciao fiordilatte, che belli! Pensa che non ho mai fatto questi biscotti di cui sento spesso nominare. Sembrano anche facilissimi, dovrò rimediare.

    RispondiElimina
  8. @fiordilatte: hai ragione anche tu in effetti, io stessa per lasciare un commento a te ci ho messo dei mesi! A Paoletta addirittura un anno!!
    @antonella antonella antonella proprio quella di croce e delizia delle foto magiche super spettacolari??? Che ci fai qui? Che super onore! Complimenti davvero per il tuo stupendo blog e grazie per aver lasciato anche tu un "segno" qui

    RispondiElimina
  9. che ricetta carina!!! se hai altre idee, novità.... dai una occhiata al nuovo sito gustorante e condividi la tua passione con noi!!!

    RispondiElimina
  10. Pensa che seguo Sigrid del Cavoletto da più di un anno.... e non ho ancora commentato eheheheh :P Invece da Paoletta, ho commentato con tutta calma perché ancora non sapevo fosse così brava e famosa ;)

    RispondiElimina
  11. Pensa che non ne avevo mai sentito parlare!
    Devo provarli, soprattutto se dici che sono così buoni!
    A presto, un bacio.
    m.

    RispondiElimina
  12. Ahnnn... ;) Ma come ho fatto a non leggerlo??
    A Montegrotto (ma giustamente tu non sai neanche cos'è Montegrotto, e ancor più giustamente manco ti interessa! XD) è pieno di negozietti che vendono funghi, paste colorate, oli al tartufo e altra roba, tra cui FRUTTI ROSSI ESSICCATI. Mi rifornirò non appena non li troverò freschi al supermercato e avrò un'insopprimibile e tragica voglia d'estate!
    (Già mi vedo... Io odio l'invernooooo!! :()

    (ros)marina

    RispondiElimina
  13. Ciaooooooooooooooo

    RispondiElimina
  14. Ciao, le rose del deserto sono tra i miei biscotti preferiti, li ho sempre fatti con le uvette dovrò provare anche con i frutti rossi... Grazie dell'idea!

    RispondiElimina

Mi fa piacere sapere che ne pensi,soprattutto se hai qualche suggerimento per me: lascia un commento! Se non sei registrato scegli "commenta come : anonimo" ma lasciami comunque il tuo nome, così potrò risponderti sapendo a chi mi rivolgo. Grazie!