lunedì 6 settembre 2010

Panna cotta digestiva alla liquirizia


Primo esperimento dalla super monografia sulle panne cotte. 
E primo esperimento utilizzando il consiglio dell'autrice: sostituire alla gelatina in fogli una piccola quantità di preparato per budino alla vaniglia. Questo accorgimento a me è sembrato subito molto comodo, visto che a causa delle abitudini alimentari della mia famiglia è molto molto più facile avere in casa del preparato per budino (=cosa rapida e industriale) piuttosto che della gelatina in fogli (=cosa che richiama alla mente ammolli, strizzamenti e preparazioni molto più complicate). 
Il risultato è stato soddisfacente, il dolce era solido, ma non abbastanza da poter essere sformato, per cui l'ho dovuto servire nei bicchierini. Forse sarebbe sufficiente aumentare un po' la quantità di preparato, invece che un cucchiaio e mezzo per 1\2 l di panna magari due, due e 1\2. Ma a questo punto tanto varrebbe preparare direttamente la panna cotta in busta forse...per cui mi sa che dalla prossima volta tornerò ai cari vecchi fogli noti come colla di pesce, o all'ancor più datata tecnica della maizena stemperata, o magari mi metterò a sperimentare l'agar agar, chissà.
Comunque, in qualsiasi modo si decida di addensarla, questa panna cotta alla liquirizia è un super digestivo perfetto dopo pasti abbondanti, diciamo che è riuscita a farmi uscire quasi indenne di stomaco da una grigliata, cosa che non succede proprio sempre...soprattutto quando ne capitano 3 alla settimana come in certi periodi... :)


******************************************************

Panna cotta alla liquirizia (da Panna cotta, di Laura Zavan, Bibliotheca culinaria, 2008)
per 4 -6 persone

  • panna fresca intera 500 ml (oppure 250 ml di panna e 250 di latte intero)
  • liquirizia pura 8g (io ho usato la famosa"spezzatina Amarelli")
  • zucchero grezzo di canna 30g
  • essenza di menta 2 gocce
  • preparato in polvere per budino alla vaniglia 2 cucchiai pienissimi

Polverizzare la liquirizia nel mortaio poi metterla in una casseruola insieme alla panna e allo zucchero. Far scaldare a fuoco dolce, mescolando fin quando la polvere di liquirizia si sarà completamente sciolta.  Incorporare con l'aiuto di una frusta il preparato in polvere per budino. Mescolare fino al primo accenno di ebolizione poi ritirare la casseruola dal fuoco. 
Aggiungere l'essenza di menta e lasciar intiepidire per 5minuti, mescolando di tanto in tanto per evitare che in superficie si formi una pellicola. 
Trasferire nei bicchierini o negli stampi e portare a temperatura ambiente. Coprire poi con pellicola e lasciare in firgorifero per almeno 2 ore.
__l'autrice consiglia di servirla con crema inglese profumata alla menta.

******************************************************

21 commenti:

  1. Ogni tanto mi consola sapere che non sono l'unica ad avere un brutto rapporto con gli addensanti... Anch'io in settimana ho in programma una panna cotta che mi ha fatta dannare non poco prima di venire come avrebbe dovuto venire fin dall'inizio!
    Devo confessarti che l'uso in quel libro di queste bustine per preparati per budini ha lasciato piuttosto perplessa pure me...
    Mi incuriosisce molto il sapore della liquirizia... Si sente davvero tanto? Come se mangiassi un bastoncino?
    Ti auguro una buona settimana!

    RispondiElimina
  2. ciao sara,
    anche io ho preso il libricino sulla pannacotta della Bibliotheca! è la collana in se che ha sempre tanti libri interessanti!
    devo armarmi di liquirizia pura in erboristeria poi la provo anche io!
    a presto

    gaietta

    RispondiElimina
  3. Che buona, mi sembra di sentire il sapore solo guardandola. Da piccola andavo matta per la liquirizia, ora pure ma non la mangio più da anni. Pero' mi ispira molto come sapore alternativo per le classiche pannacotte. E poi se funziona come digestivo é da provare assolutamente. Baci!

    RispondiElimina
  4. un fine pasto goloso e bello da vedere, ma anche digestivo mi sembra abbia tutte le qualità per essere prodotto più e più volte!

    RispondiElimina
  5. Dev'essere di un godurioso!!!!!

    RispondiElimina
  6. Adoro la panna cotta e adoro la liquirizia...che mi resta da fare?!?...provarla!!!!grazie!sembra buonissima!

    RispondiElimina
  7. La panna cotta più buona che abbia mai mangiato è stata fatta con il preparato per budino alla vaniglia, una goduria!

    RispondiElimina
  8. Panna cotta alla liquirizia...ottima associazione di sapori, una vera squisitezza!!!! complimenti...un bacione ;-)

    RispondiElimina
  9. Uhhhh...questo libro lo voglio, lo voglioooooo!
    Il tuo risultato è meraviglioso...e poi adoro la liquirizia!
    Buon lunedì

    RispondiElimina
  10. Buonissima la panna cotta alla liquirizia...l'ho preparata qualche volta.

    ciao e complimenti.

    RispondiElimina
  11. la gelatina è comoda, dura tanto e si ammorbidisce in fretta, invece con l'agar non mi sono ancora buttata.
    Comunque questa panna cotta mi stuzzica un sacco! dev'essere buonissima!
    Francesca

    RispondiElimina
  12. Il libro deve essere supe rinteressante e questa panna cotta alla liquirizia tanto originale quanot deliziosa, sono arrivata finoa te proprio vedendo il titolo di questo post su un blog roll.
    Complimenti

    RispondiElimina
  13. non amo molto la liquirizia..anzi se devo essere sincera per niente..però per chi piace (come ad esempio) il mio amore questa è un'ottima idea..quindi me la segno e gliela preparerò presto..baci ^_^

    RispondiElimina
  14. noooo adoro la liquirizia...me la segno e la provo...prima o poi!ciao

    RispondiElimina
  15. Anche io oggi panna cotta...questa alla liquirizia mi stuzzica moltissimo!!!Un bacio

    RispondiElimina
  16. Te la sei cavata benissimo,anzi nei bicchieri è ancora più invitante!!Seguo con piacere i vari esperimenti!!!Bellissima giornata!

    RispondiElimina
  17. Questa me la segno di sicuro per un goloso di mia conoscenza che adora la liquirizia...
    Interessante l'idea del preparato, anche perchè credo conferisca dei toni vanigliati che nella panna cotta non guastano. Ne ho giusto una busta che giace in dispensa da tempo immemore...
    Sembra inivante perfino per me che non son da liquirizia :)

    RispondiElimina
  18. Davvero interessante questa ricetta la segno subito, e complimenti per il tuo blog.
    ciao
    cristina

    RispondiElimina
  19. Originalissima questa panna cotta! digestiva, ma anche fresca e golosa allo stesso tempo!
    baci baci

    RispondiElimina
  20. Che caruccio quel libro!
    sarebbe giusto per me che non ho mai sperimentato una panna cotta!:)
    buona questa!!! amo la liquerizia, di soliot in un ristorante dove vado prendo il sorbetto alla liquerizia per digerire!:)

    RispondiElimina

Mi fa piacere sapere che ne pensi,soprattutto se hai qualche suggerimento per me: lascia un commento! Se non sei registrato scegli "commenta come : anonimo" ma lasciami comunque il tuo nome, così potrò risponderti sapendo a chi mi rivolgo. Grazie!